#YoungWinningNetworker: intervista a Martina Rogato

Intervista a Martina Rogato

Di cosa ti occupi?

Da 6 mesi sono consulente freelance nel settore della sostenibilità. Prima, ho lavorato per 4 anni sempre come consulente, ma in società.

Perché fai network?

Ho iniziato a fare networking per conoscere nuove persone e socializzare quando sono arrivata a Milano. Però, oltre all’interesse sociale, è utile anche da un punto di vista professionale: mi interessava capire come andasse il mio settore (nonprofit & CSR) e questo è un modo interessante per orientarsi. Infine, ho sempre un po’ sofferto la mancanza di guide o mentori interni sul lavoro, quindi cercato sopperire così: con YWN ho potuto incontrato diverse figure più adulte di me. Rimane poi che scambiarsi idee e opinioni, anche con le mie coetanee, non può che far bene: i nostri consigli possono sempre risultare preziosi per qualcun’altra, indipendentemente dall’età che abbiamo.

Qual è il tuo consiglio per chi non ha mai fatto network e vorrebbe iniziare?

Correte a fare networking, subito! Scherzi a parte, il networking, ti dà quel quid difficile da trovare nelle tue reti personali o strettamente lavorative già esistenti, quando senti che ti mancano degli stimoli. Poi, uscire dal proprio guscio e guardarsi con distanza, attraverso gli occhi di qualcun altro, vi dà una marcia in più. In YWN siamo in poche del mio stesso settore, ma proprio la contaminazione di persone e background differenti è per me un grande arricchimento, per innovarsi e trovare ispirazione.

Come ti ha aiutato il networking a raggiungere i tuoi obiettivi?

Le persone incontrate così sono per me fonte di innovazione, innovazione che cerco di portare poi nel mio lavoro. Inoltre, quando ho iniziato a lavorare come libera professionista ero spaventata e intraprendente allo stesso tempo, con molta voglia di provarci. Il network mi ha aiutato tantissimo ancora prima di mettere in piedi qualsiasi iniziativa commerciale: non appena le persone l’hanno saputo, mi sono arrivate 2-3 offerte di lavoro, per passaparola.

Perché consiglieresti a chi ci legge di iscriversi a Young Women Network?

Perché le giovani donne sono più svantaggiate rispetto alle loro controparti maschili: YWN è un po’ il nostro calcetto, un luogo in cui davvero si possono creare relazioni a ampio raggio. Non si tratta solo di partecipare insieme a un workshop, le Young Women sono un gruppo di giovani donne che si fanno forza l’un l’altra, una rete di supporto a vari livelli che va oltre il singolo evento: la via di mezzo perfetta fra un gruppo di amicizie strette e un gruppo professionale. E poi, è un bel modo per fare attivismo civico: il network è nato dalla semplice volontà di giovani donne che non vogliono arrendersi al fatto di essere una generazione di fannulloni, come spesso ci bollano, ma che vogliono far vedere quanto valiamo e promuovere le eccellenze nel nostro Paese.

Giulia Colombo